Top

Introduzione alla legalizzazione e all’apostille

Introduzione alla legalizzazione e all’apostille

Sempre più frequentemente, documenti ufficiali – come certificati dell’anagrafe e stato civile, atti del tribunale, atti notarili, certificati camerali e traduzioni asseverate – necessitano di essere utilizzati all’estero.

Pubblicazioni-sull-Apostille @http://www.hcch.net

La modalità tradizionale per autenticare un documento per uso estero si chiama legalizzazione e consiste in una serie di autentiche che coinvolgono diversi uffici come la Prefettura o la Procura fino all’autentica rilasciata dalla Rappresentanza consolare in Italia del Paese in cui il documento dovrà essere presentato.

Spesso la legalizzazione si trasforma pertanto in un processo burocratico, lento e dispendioso.

Alcuni Paesi hanno pertanto deciso di ratificare una Convenzione per la semplificazione del processo di legalizzazione: la Convenzione dell’Aja del 5 Ottobre 1961 per l’abolizione della legalizzazione degli atti pubblici “The Hague Convention of 5 October 1961 Abolishing the Requirement of Legalisation for Foreign Public Document”, più semplicemente conosciuta come Convenzione dell’Apostille. Quando viene applicata tra i Paesi sottoscrittori, questa Convenzione riduce il processo di legalizzazione ad una singola formalità: la cosiddetta Apostille.

 

img : Pubblicazioni sull’ Apostille @ http://www.hcch.net/
Share this article
RSS
LinkedIn